Avvocate e avvocati, dal TAR Lazio ulteriore via libera alle “specializzazioni forensi”

3 febbraio 2022

Sentenze di Merito ,sentenza specializzazioni ,Agi , specializzazioni ,tar ,sentenza ,giuslavoristi

Avvocate e avvocati, dal TAR Lazio ulteriore via libera alle “specializzazioni forensi”

Il TAR del Lazio ha respinto l’ennesimo ricorso contro le nuove specializzazioni forensi. 

Il Tribunale amministrativo ritiene che “l’attuale assetto della suddivisione in settori e indirizzi, frutto come detto di approfondita analisi e di un compiuto contraddittorio procedimentale con le parti interessate, ed incentrato sull’omogeneità disciplinare e sulla specialità della giurisdizione, non evidenzia ulteriori profili di irragionevolezza o illogicità, sottraendosi così alle censure proposte, tenuto conto, come detto, della inevitabile opinabilità della categorizzazione”.


La presa di posizione di AGI-Avvocati Giuslavoristi Italiani: “Si chiuda la tappa dei ricorsi e delle polemiche, si avvii la fase della modernizzazione della professione, si metta a regime il nuovo sistema” .


Per Tatiana Biagioni, presidente di Agi - Avvocati Giuslavoristi Italiani, l’auspicio è che questo “sia l’ultimo capitolo di una lunga fase di polemiche e l’ultima tappa di una lunga offensiva giudiziaria che va avanti da troppi anni”.


“Oggi per il TAR non ci sono ragioni che ostacolino l’applicazione del nuovo regolamento per le specializzazioni forensi - continua - ora più che mai si deve mettere definitivamente a regime il nuovo sistema volto a riconoscere il titolo di specialista per le avvocate e gli avvocati che ne facciano richiesta. Quindi chiediamo che venga completato con urgenza e senza ulteriori indugi l’iter attuativo”. 


“Le specializzazioni - spiega - possono rappresentare un cambio di passo anche per l’efficienza della Giustizia e la qualità dei servizi offerti alle cittadine a ai cittadini, costituiscono a mio avviso un significativo passo in avanti”.


Infine, Tatiana Biagioni invita “l’Avvocatura all’unità: si deve ripartire insieme, CNF, OCF, ordini e associazioni forensi, puntando all’eccellenza nella formazione per rilanciare la professione in un momento storico difficile e di grande crisi per le avvocate e gli avvocati italiani. Un’Avvocatura di qualità è una straordinaria risorsa anche per il nostro Paese in una situazione socio-economica emergenziale come quella che stiamo vivendo”.


Scarica la sentenza in allegato 

torna all'inizio del contenuto